Lo sfogo dell’imprenditore bastonato e senza speranza. E Chiasso è in agguato

Un imprenditore di lungo corso, con un passato di dirigente in banca, mi sintetizza la situazione industriale italiana con il linguaggio concreto e subito comprensibile dei bresciani: “l’imprenditore è bastonato da tutti, e ormai i buoi sono fuori dalla stalla”.
L’imprenditore è bastonato in primis dal fisco, più di 60%, e subito dopo dal costo del lavoro, e dunque impossibilitato ad assumere. Perché il processo è inverso: prima bisogna favorire l’impresa e poi si creeranno posti di lavoro. Nonché è bastonato dai sindacati che non sono quasi mai collaborativi ma troppo spesso contro a prescindere, dal costo dell’energia, dalla burocrazia, dai prodotti a basso prezzo realizzati dai Paesi emergenti.
E dal punto di vista morale è bastonato anche dall’opinione pubblica perché è visto come un evasore, uno sfruttatore.
Oggi, continua l’imprenditore nel suo sfogo,  se nei politici italiani non ci sarà una svolta epocale, che ritengo impossibile visti gli attuali partiti e i loro rappresentanti, l’industria italiana è destinata a morire in poco tempo. E l’inversione non è certo quella determinata dai vari Fornero, Saccomanni o Letta.
Negli ultimi anni il 40% delle aziende è già morto. Sta scomparendo l’industria, insieme all’agricoltura – anche quella agonizzante – uno dei capisaldi dell’economia italiana. Tutto il resto, professionisti, commercianti, imprese di servizi, artisti, professori, medici, politici, sono una conseguenza di questi due grandi settori, e dunque destinati a morire presto anche loro.
La ripartizione dell’utile dovrebbero essere per tre: 1/3 per pagare l’azionariato, 1/3 da reinvestire nell’azienda, e 1/3 da dividere con i dipendenti.  In realtà va tutto allo Stato: la recente analisi del comparto siderurgico italiano, presentata recentemente da Siderweb, ha evidenziato che per i produttori italiani di acciaio, a fronte di un fatturato globale di 25 miliardi di euro, il ROI si limita a meno del  4%. A queste condizioni l’imprenditore non è più disposto a continuare. Troppo tardi ormai per recuperare. Forse si potrebbe al massimo ricominciare altrove.
Da decenni i politici, puntuali, ad ogni missione all’estero ripetono: “Venite in Italia dove ora troverete le condizioni ideali per produrre”. Un appello ridicolo. Chiasso e il Canton Ticino intanto presentano con un tour in Italia il distretto industriale svizzero: invitano i nostri imprenditori a trasferirsi là, usufruendo di agevolazioni e incentivi. E così sta facendo l’altrettanto vicina Austria.

(Nella foto un’immagine di Ugo Pierri)

Pubblicato sul Giornale di Brescia di Domenica 10 Novembre 2013. Pagina 47, Rubrica “Lettera dall’industria”.

10 novembre 2013


Torna alla lista
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.