Becco di bottiglia: una poesia di Daniele Mencarelli

Becco di bottiglia

Chissà se stamattina svegliandoti
pensando all’accaduto appena ieri sera
ti sarà venuto quel groppo che prende
a chi troppo ha bevuto e se ne pente
nella coscienza e nella gola pesante e amara,
o se di quell’assaggio di labbra e pelle
hai la sete di chi ne vuole ancora
e pensi a me tuo becco di bottiglia.

Daniele Mencarelli

9 agosto 2011


Torna alla lista
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.